Millenials: come raggiungerli e coinvolgerli?

Brand Content, Case study, Social Media, User Experience

16 Giu, 2016

Gli articoli sui Millenials e le infografiche che cercano di comprenderli sono tantissimi. Possiamo chiederci se i Millenials appartengono ad un nuovo concetto di marketing o ad una realtà sociologica. Secondo la Yahoo Research “Digital Marketing” effettuata da Nielsen i Millenials in Italia sono circa 11,2 milioni, dei quali il 76% attivi su internet, e sono i maggiori acquirenti. Ecco perché è importante raggiungerli e coinvolgerli.

I Millenials: iperconnessi e impegnati

Nati in un mondo completamente digitale, hanno padronanza delle nuove tecnologie, sono iperconnessi, onnipresenti sui social network e sono i seguaci dell’economia collaborativa. Si trovano ad affrontare un cambiamento dei consumi dei loro genitori e a rompere con la cultura tradizionale. Sono spesso in contrasto con le istituzioni politiche, sono impegnati nel sociale e si preoccupano per il futuro. Sono anche nati in una società in cui avere una laurea non è più sinonimo di lavoro.

millenials facebook twitter Millenials: come raggiungerli e coinvolgerli?

Sono costantemente connessi ai social con i loro amici, interpellano i brand e hanno un potenziale di viralità senza precedenti grazie ad Instagram e Snapchat. Sono anche volubili e amanti dell’istantaneità: diventa più difficile catturarli e coinvolgerli. Infatti, attribuiscono importanza a quello che il brand può fare per loro e non esitano a condividere la loro opinione per favorire o danneggiare la sua immagine.

tweet that shit Millenials: come raggiungerli e coinvolgerli?

Come raggiungerli?

La presenza digitale per un brand è una necessità, e anche un prerequisito. Una presenza la cui posta in gioco è la creazione di valori per i consumatori, ma anche su mezzi digitali da implementare. Secondo TNS Sofres, possiamo osservare un forte consumo dei mobile e dei social:

  • 3,2 ore passare sul mobile
  • 63% di loro si collega quotidianamente ai social (2,4 ore)
  • 54% guarda video online (1,9 ore rispetto alle 1,3 ore passate davanti alla TV

Più sensibili ai messaggi dei brand sui social, percepiti come meno intrusivi dei media tradizionali, sono però anche interessati al canale e-mail, se il messaggio è personalizzato e soddisfa le loro aspettative.

Sono appassionati di piattaforme di messaggistica istantanea tra cui Snapchat che con i suoi contenuti volatili invita gli utenti a vivere un’esperienza unica. Snapchat sta diventando un must per questo target, che scambia contenuti anche con gli amici presenti sulle altre piattaforme. Molti sono i brand che cercano di espandere la loro presenza sui social: è necessario adattarsi al modo di conversazione, e di inventare nuovi contenuti complementari al proprio ecosistema digitale. Non esitate ad allontanarvi leggermente da alcuni codici del brand per sorprendere!

Al di là dell’aspetto sociale, è possibile sviluppare offerte o strategie di influence al fine di invitare gli utenti a seguirvi.

Coinvolgerli con una nuova offerta progettata per loro:

Hilton ha recentemente presentato il suo nuovo brand “Tru by Hilton” per sedurre il pubblico: hotel di una fascia meno alta, si prevede che saranno pronti alla fine del 2016. Questi si differenziano per il design e il loro spirito: moderno, collaborativo e connesso.

Coinvolgerli con gli influencer:

Ruinart ha creato My Little Paris : Les rendez-vous Ruinart. Una nuova narrazione forte ed originale, offrendo escursioni e cene particolari, mentre mette in mostra il brand e il suo universo.

Per raggiungere questo obiettivo, possiamo pensare ad un’offerta su misura per il loro uso e consumo, o considerare la diffusione di contenuti esclusivi, o meglio ancora, di proporre esperienze « Money can’t buy” », sempre usando come mezzi i social o gli influencer.

Come coinvolgerli?

L’esperienza è una delle maggiori aspettative di questo nuovo target: fisica o digitale, deve rompere le regole e essere fuori dal normale per assicurare un successo virale.

In base alle proprie esperienze fisiche, il 71% dei millenials usa hashtag a tema per comunicare sui social, permettendo di generare contenuti per il brand e veicolare i prodotti/marchi.

Con la nascita dei dispositivi connessi e di internet, i millenials sono inclini a condividere i loro dati, ma la maggior parte di loro è sfavorevole. La scelta di adottare il VRM (Vendor Relationship Management), sarà certamente necessario per mantenere una fiducia a lungo termine.

A nostro avviso, dobbiamo esaminare più da vicino il loro user journey, le aspettative, i loro desideri, nei confronti del marchio: dobbiamo offrire un’esperienza social? Un sito esperienziale? Come soddisfare queste esigenze senza snaturare i nostri valori? Quali servizi o esperienze “Money can’t buy” dobbiamo mettere in pratica per veicolare e incentivare l’acquisto dei nostri prodotti? Come ancorare la nostra promessa nel loro quotidiano? ecc…

Qui ci sono due esempi di come coinvolgere questo target…

Captur By Night:

Per presentare il suo modello Captur Renault ha optato per una notte d’eccezione. È stato proposto ai passanti di passare un momento con il brand di 19h alle prime ore del mattino. Promozione assicurata per i partecipanti sui social, ma anche una sincera comprensione nonché pubblicità.

VSOP: Voice Symbolises Our Personality.

Visuel1 Millenials: come raggiungerli e coinvolgerli?

Hennessy ha dato la possibilità ai suoi utenti di esprimere la propria personalità attraverso la loro voce e di trascriverla artisticamente secondo i codici di Peter Saville. Un’esperienza unica e singolare che vi invita a scoprire la sua personalità artistica: un’esperienza sociale esclusiva e un grande valore aggiunto per il consumatore.

In conclusione…

Nei prossimi anni, i Millenials continueranno a rivoluzionare gli usi, andando verso l’uberizzazione delle aziende.

I brand devono essere considerati come un’opportunità di relazione perenne. Dando importanza ai valori /ai servizi/ alle utilities per i consumatori. Quale valore porta il nostro dispositivo digitale? Quale meccanismo devo usare per incentivare un engagement duraturo?

La parola d’ordine per raggiungere e coinvolgere con il brand resta l’EXPERIENCE: un’esperienza unica, singolare e possibile solo con il brand. Ma l’esperienza non sarà più adeguata per le nuove generazioni, poiché cambieranno sicuramente le istituzioni politiche e i modelli economici.

 

 

 

 

 

Fonti

https://www.tns-sofres.com/publications/les-millennials-passent-un-jour-par-semaine-sur-leur-smartphone

https://www.essec.edu/media/presse/communique-presse/2015/CP-millennials.pdf

https://www.ladn.eu/actualites/hilton-lance-hotels-pour-millenials,article,29769.htm

https://www.ladn.eu/actualites/comment-seduire-millennials,article,30548.htmll

https://l.yimg.com/dh/ap/default/150528/Yahoo_Discovering_Millennials.pdf

Lascia un commento.